Entusiasti, favorevoli e critici: i tre diversi profili del reboarding

Noi di GoodHabitz non siamo certo i tipi da predicare bene e razzolare male. E infatti, una volta creata la nostra Scheda tematica per il reboarding, l’abbiamo subito utilizzata internamente per interrogare i nostri colleghi e cercare di comprendere come si sentissero all’idea di tornare in ufficio dopo un lungo periodo di smart working. L’obiettivo primario era proprio quello di conoscere desideri e aspettative dei nostri colleghi, un campione composto da oltre 250 professionisti in tutta Europa. Tuttavia, una volta completato il processo, ci siamo accorti che le risposte ricevute potevano essere classificate sotto tre macrocategorie, così abbiamo deciso di sfruttare al meglio i risultati della nostra indagine per aiutare altre aziende a orientarsi in questo processo nuovo. Vuoi scoprire le visioni sul reboarding più diffuse?

Ti presentiamo il tuo team! 
IT Blog Reboarding Personas – 1 2X

Tre diverse visioni sul reboarding

La prima cosa che abbiamo notato durante l’analisi di quanto emerso dalle nostre conversazioni sul reboarding è che, sebbene ciascuno di noi abbia vissuto i mesi appena trascorsi in modo molto diverso, di fatto ci sono alcuni aspetti che tendono a ripetersi. Così, dopo aver interrogato il nostro staff di oltre 250 persone che lavorano da tutta Europa, siamo riusciti a delineare tre differenti categorie di personalità da cui abbiamo tratto tre profili (o personas) con differenti caratteristiche e desideri e un diverso livello di motivazione a tornare in ufficio. Analizzando le diverse personas che abbiamo identificato, otterrai una panoramica generale delle necessità di un team e probabilmente ti accorgerai che questi profili si adattano bene anche al tuo contesto aziendale.

L’entusiasta

Gli entusiasti non vedono l’ora di liberare il tavolo di casa che hanno adibito a scrivania e tornare finalmente a occupare la propria postazione in ufficio. Sono felicissimi all’idea di recarsi nuovamente sul luogo di lavoro e non hanno bisogno di una motivazione esterna per farlo: saranno lì ancor prima che si aprano le porte. Queste persone preferiscono passare in ufficio almeno quattro giorni a settimana, anche cinque se possibile. Gli entusiasti hanno sentito molto la mancanza dell’interazione sociale con i propri collaboratori e aspettano con ansia di partecipare fisicamente a riunioni e brainstorming. Per loro, tornare in ufficio è una liberazione. E non solo perché ritengono di essere (molto) più produttivi in presenza, ma anche perché amano incontrare i colleghi e sentirsi parte di un gruppo affiatato. Gli entusiasti ritengono che il management abbia fatto del proprio meglio durante la pandemia e non hanno dubbi sul fatto che anche il reboarding verrà gestito con successo.

Il favorevole

I favorevoli vedono dei vantaggi sia nella vita da ufficio che nello smart working. Si può dire che, nel loro mondo ideale, le due soluzioni convivano in modo armonico. Vogliono tornare in ufficio per riconnettersi ai colleghi, riprendere gli incontri faccia a faccia, creare spirito di squadra e cambiare scenario. Ma allo stesso tempo non sono pronti a rinunciare alla flessibilità e al silenzio garantiti dallo smart working e riconoscono i benefici ambientali di una riduzione degli spostamenti casa-lavoro. Per loro, la settimana lavorativa perfetta si compone di due o tre giorni in ufficio, durante i quali creare legami professionali (e personali) più forti, scambiare idee, ottenere stimoli e sbrigare il lavoro di team; e il resto in casa, per dedicarsi ai compiti che richiedono più concentrazione. I favorevoli ritengono che il management abbia gestito bene il periodo passato, ma vorrebbero anche essere messi al corrente dei piani per il futuro. Inoltre, pensano sia importante organizzare incontri settimanali con il proprio manager per rimanere sempre aggiornati.

Il critico

I critici non sono del tutto contrari al ritorno in ufficio, ma riconoscono che il lavoro da remoto ha numerosi vantaggi, sia a livello personale che a livello ambientale, grazie alla riduzione degli spostamenti. I critici hanno scoperto che lavorare da casa li rende più produttivi ed efficienti, e pertanto hanno messo in dubbio alcune logiche tipiche del lavoro pre-Covid. Inoltre, ritengono che lo smart working abbia concesso loro di passare più tempo in famiglia e di dedicarsi maggiormente a se stessi, cosa che prima risultava più difficile. Pertanto, sono preoccupati all’idea di tornare stabilmente in ufficio poiché temono che questo possa influenzare negativamente la loro produttività e privarli dello spazio da dedicare alla vita privata. Tuttavia, i critici vogliono sentirsi parte dell’azienda e ci tengono a lavorare in un ambiente positivo, pertanto non intendono privarsi completamente delle interazioni tra colleghi. La situazione ideale li vedrebbe passare un giorno a settimana in ufficio, e il resto della settimana a casa. Sono soddisfatti di come il management ha gestito il periodo della pandemia e ritengono che incontri settimanali con i propri superiori e una strategia di reboarding trasparente aiuterebbero a ripartire al meglio. Inoltre, vorrebbero ottenere strumenti e informazioni utili a ottimizzare il processo di (re)onboarding e non perdere di vista, a causa della distanza, gli obiettivi e le strategie dell’azienda.

Come riportare a bordo ciascun profilo?

Queste tre diverse visioni del reboarding richiedono differenti azioni e modalità di gestione da parte del team HR. Gli entusiasti, i favorevoli e i critici hanno ciascuno le proprie necessità e le proprie ragioni per tornare in ufficio, sebbene con ritmi differenti. In questa fase, ciò che conta maggiormente è assicurarsi che ognuno si senta ascoltato, compreso e supportato nel processo, così da creare un ambiente favorevole per migliorare la produttività e il raggiungimento dei risultati aziendali. Per aiutarti ad affrontare tutto questo, abbiamo creato un’infografica che racchiude i tratti fondamentali dei tre profili e consiglia a ciascun profilo i corsi GoodHabitz più adatti. Scaricala e utilizzala come guida per orientarti lungo il sentiero del reboarding!

Image

Scarica le tre
Personas del reboarding

Scarica il PDF e scopri in una sola occhiata il pensiero di chi è critico, favorevole o entusiasta all'idea di tornare in ufficio!

Download here

Vuoi ricevere gli articoli di GoodHabitz
direttamente nella tua casella di posta?

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti, le novità e le tendenze del momento? Iscriviti alla nostra newsletter!